Se una persona anziana molto cara in famiglia, a seguito di un ictus subisce un drastico cambiamento nelle sue capacità e nel suo aspetto, tale da indurre paura e sgomento nelle sue nipotine (la più piccola di 2 anni e mezzo) come riuscire a fare loro accettare questa nuova realtà e l'immutato affetto di questa persona?

Se un bambino di 1 anno da quando è nato ha sviluppato una simpatia per il papà, tanto da mettersi a piangere quando la mamma lo prende in braccio, a cosa può essere dovuto? Qual è il corretto copmortamento affinché la madre riesca a gestire il suo affetto e una nascente gelosia nei confronti del marito?

Se una famiglia con un bimbo di 3 anni nel giro di pochi mesi dovrà affrontare un trasferimento dall'Australia agli Stati Uniti e la nascita di un altro bambino, come gestire il distacco del piccolo dai suoi amici e dal suo mondo nel modo meno doloroso possibile? Come trasmettergli l'entusiasmo per queste novità? Come evitare che il vissuto della madre, che da piccola è sempre stata gelosa del fratello, condizioni negativamente questo passaggio?

Per quale motivo un bimbo di quasi 3 anni arriva ad essere manesco e violento con i compagni di asilo soprattutto nelle situazioni in cui è sotto controllo?

Come mai un bambino di 6 mesi, quando è costretto a stare nel seggiolone muove le mani con tremiti e irrigidisce un po' le braccia? Se quando è impegnato con qualche oggetto o afferra qualcosa il tremito smette, vuol dire che è solo il frutto della sua agitazione?

<<  <  1  2  3  4  5  >  >> 

• fanno parte del network nostrofiglio.it: mammole.itoltretata.itmiobambino.it
• ulteriori offerte della casa editrice G+J/M •
© Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A.
Sede Legale: Via Battistotti Sassi 11/A
20133 Milano
P.IVA e Reg.Imprese di Milano n. 09440000157
R.E.A. di Milano n. 1292226
Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.